Avvio alla residenzialità

L’Associazione ha realizzato numerose esperienze di residenzialità breve all’interno di un articolato progetto a carattere innovativo, denominato “Casa Più”, finalizzato ad avviare le persone con disabilità intellettiva verso l’autonomia abitativa. Il progetto ha offerto anche un importante sostegno psicologico ai genitori dei ragazzi coinvolti, con l’intento di favorirne il processo didistanziamento/separazione dai propri figli ormai divenuti adulti.

Il nucleo centrale del progetto consisteva nella realizzazione di week-end, in cui i giovani con disabilità intellettiva, organizzati in piccoli gruppi guidati da un educatore, hanno imparato a pianificare tempi, spazi e risorse per gestire la vita domestica quotidiana, in una casa nuova, diversa da quella di famiglia e in assenza dei familiari. Il partenariato della Facoltà di Ingegneria dell’Università di L’Aquila ha dotato l’appartamento di alcune risorse strumentali innovative volte a favorire la sicurezza abitativa e l’autonomia delle persone con disabilità psichica attraverso l’impiego della domotica. In considerazione delle esigenze emerse a conclusione del progetto e alla luce  dei risultati ottenuti in termini di miglioramento della qualità della vita delle persone disabili e delle loro famiglie, il Comune dell’Aquila ha messo a disposizione gratuitamente un alloggio all’interno di un progetto CASE della nostra città.